La Corte costituzionale sulle soglie di anomalia negli appalti di lavori in Sicilia

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

La sentenza della Corte costituzionale n. 16 dell’11.2.2021 ha travolto alcune norme della legge regionale siciliana n. 13/2019 in materia di appalti pubblici di lavori.

In particolare, la Corte ha censurato:

  • L’art. 4, comma 1, che prevedeva l’obbligo per le stazioni appaltanti di applicare il criterio di aggiudicazione del minor prezzo negli appalti di lavori di importo pari o inferiore alla soglia comunitaria;
  • L’art. 4, comma 2, che prevedeva modalità di calcolo delle offerte anomale, con obbligo di escluderne i proponenti, diverse rispetto a quelle stabilite dalla disciplina codicistica nazionale;
  • L’art. 13, che prevedeva la proroga per un triennio dei contratti di affidamento relativi ai servizi di trasporto pubblico locale di passeggeri su strade di interesse regionale e locale.

L’illegittimità dell’art. 4, comma 2, della l.r. n. 13/19, sulle modalità di calcolo delle soglie di anomalia, è foriera di un potenziale contenzioso, in relazione alle gare bandite ed in corso di aggiudicazione, rispetto alle quali le stazioni appaltanti fanno tutt’ora applicazione delle soglie di anomalia regionali.

Il Tar Catania, II sezione, con sentenza n. 986 del 29.3.2021, ha dato applicazione alla pronuncia della Corte costituzionale, stabilendo che, negli appalti di lavori sotto soglia, da aggiudicare secondo il criterio del prezzo più basso, la stazione appaltante che abbia illegittimamente applicato la norma regionale, dichiarata incostituzionale, non deve ripetere tutta la gara, ma deve piuttosto rimodulare la graduatoria.

Secondo il Tar: “Quanto agli effetti di tale annullamento esso non può, tuttavia, determinare l’automatica aggiudicazione in favore della ricorrente, bensì la ripetizione delle operazioni di gara dalla fase di determinazione della soglia di anomalia con applicazione del criterio previsto dalla disciplina nazionale in sostituzione di quello previsto dalla normativa regionale dichiarata illegittima.

Non può, invece, condividersi quanto sostenuto dalla controinteressata in punto di integrale rinnovazione della gara poiché, per le ragioni già esposte in precedenza, la declaratoria di illegittimità costituzionale investe solo il metodo di determinazione della soglia di anomalia e non il criterio di aggiudicazione non sussistendo, quindi, alcuna esigenza di consentire alle imprese la modificazione delle offerte “in ragione della nuova regola di selezione”.

Pertanto, a seguito della pronuncia della Corte costituzionale n. 16/2021, le amministrazioni che abbiano determinato la soglia di anomalia in base alle disciplina regionale giudicata incostituzionale sono tenute a ripetere le operazioni di gara applicando il calcolo previsto dall’art. 97 del codice appalti e dalla normativa nazionale. Le amministrazioni non sono invece tenute a rinnovare integralmente la procedura, in quanto l’illegittimità costituzionale non investe un criterio di partecipazione o il criterio di aggiudicazione applicato

Qui il link alla sentenza della Corte costituzionale

Qui il link alla sentenza del Tar Catania

Autore

Mauro Di Pace

Diritto amministrativo

AREE ASSOCIATE

Appalti, concessioni e sovvenzioni

Leggi altre Notizie

Marzo 19, 2021

Dissesto e riequilibrio finanziario in caso di nuove elezioni (Corte costituzionale 34/2021).

La Corte costituzionale sul termine perentorio per adottare il piano di riequilibrio finanziario dell'ente locale in caso di nuove elezioni
Marzo 3, 2021

La Corte costituzionale sulle soglie di anomalia negli appalti di lavori in Sicilia

Corte Cost. 16/2021 sull'illegittimità delle norme della regione Sicilia in materia di calcolo delle soglie di anomalia nei lavori sotto soglia
Febbraio 14, 2021

Programmazione sanitaria: apre la stroke unit a Ragusa

Nullo l'atto di programmazione regionale che aveva tolto la stroke unit da Ragusa - Tar Catania 214/2021
Febbraio 14, 2021

Laboratori privati: illegittima la tariffa obbligatoria per i c.d. “tamponi rapidi”

COVID: il Tar Palermo annulla la tariffa obbligatoria per i tamponi rapidi
Febbraio 14, 2021

Rifiuti e ATO in liquidazione: il CGARS di nuovo sul recesso dell’ente locale dalla società partecipata

La sentenza del CGARS n. 1121/2020 annulla il provvedimento di recesso della ex provincia dalla società ATO
Febbraio 12, 2021

Appalti: il Tar Catania sulla incompatibilità del RUP come presidente della commissione giudicatrice (art. 77 d.lgs. 50/2016)

Il Tar di Catania, con sentenza n. 372 dell'8.2.2021, ha annullato una gara per il servizio di trasporto sanitario, bandita da un'azienda ospedaliera, nella quale il RUP si era autonominato presidente della Commissione giudicatrice, in violazione dell'art. 77 del d.lgs. n. 50/2016.