Il termine per impugnare l’aggiudicazione

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Adunanza Plenaria, 2 luglio 2020, n. 12

Il termine per impugnare l’aggiudicazione della gara decorre dalla sua comunicazione via pec, dalla sua pubblicazione sul sito istituzionale o dall’esibizione dei verbali e dell’offerta del concorrente richiesti con l’accesso agli atti?

La pubblicazione dell’esito della gara, resa oggi obbligatoria dall’art. 29 del d.lgs. 50/2016, rende legalmente conoscibile il fatto in sé dell’aggiudicazione ma non le sue ragioni analitiche né gli atti di partecipazione del vincitore su cui il provvedimento si basa.

D’altronde, se il termine di impugnazione decorre dalla piena conoscenza del contenuto lesivo degli atti, e quindi dall’esibizione dei documenti da parte della stazione appaltante, ne deriverebbe la violazione del principio della “data oggettivamente riscontrabile” per la contestazione giudiziale degli esiti della gara, i cui termini dipenderebbero da elementi esterni alla procedura e oggettivamente imprevedibili.

La sentenza n. 12 del 2.7.2020 dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato ha risolto il contrasto giurisprudenziale in materia, formatosi a causa del cattivo coordinamento normativo tra l’art. 120 del c.p.a. (che richiama ancora l’abrogato art. 79 del vecchio codice degli appalti) e la nuova disciplina sulla pubblicazione telematica obbligatoria degli esiti delle gare.

Ne risulta una disciplina di compromesso, che mira a conciliare, da un lato, l’esigenza di individuare un termine di impugnazione certo e, dall’altro, quella di non vincolare il partecipante leso ad un ricorso al buio, destinato all’inammissibilità per la inevitabile genericità dei motivi di impugnazione.

Rileva quindi, in primo luogo, la pubblicazione generalizzata degli atti di gara, che deve comprendere anche i verbali, con le valutazioni operate. È da questo momento che decorre il termine generale di impugnazione. Ma anche le forme di comunicazione e di pubblicità individuate nel bando di gara ed accettate dai partecipanti alla gara sono idonee a far decorrere il termine per l’impugnazione dell’aggiudicazione, a condizione che gli atti siano comunicati o pubblicati unitamente ai relativi allegati.

In secondo luogo, le informazioni previste dall’art. 76 del codice (comunicate d’ufficio o su richiesta ai sensi del comma 2) rilevano ai fini della proposizione delle doglianze per i vizi che ne risultano palesati. Si tratterà nella maggior parte dei casi di motivi aggiunti senza domande nuove, non soggetti al pagamento del contributo unificato; ma anche di impugnazione autonoma, a condizione che i vizi lamentati emergano specificamente dagli atti conosciuti in modo differito.

Infine, e allo stesso modo, la proposizione dell’istanza di accesso agli atti produce un effetto dilatorio del termine di impugnazione relativamente e limitatamente ai motivi di ricorso che conseguono alla conoscenza dei documenti ostesi (atti dell’offerta dell’aggiudicatario, giustificazioni in sede di verifica d’anomalia).

Autore

Mauro Di Pace

Diritto amministrativo

AREE ASSOCIATE

Appalti, concessioni e sovvenzioni

Leggi altre Notizie

Marzo 3, 2021

La Corte costituzionale sulle soglie di anomalia negli appalti di lavori in Sicilia

Corte Cost. 16/2021 sull'illegittimità delle norme della regione Sicilia in materia di calcolo delle soglie di anomalia nei lavori sotto soglia
Febbraio 14, 2021

Rifiuti e ATO in liquidazione: il CGARS di nuovo sul recesso dell’ente locale dalla società partecipata

La sentenza del CGARS n. 1121/2020 annulla il provvedimento di recesso della ex provincia dalla società ATO
Novembre 8, 2020

La nullità giurisprudenziale nei bandi di gara (Adunanza Plenaria 22/2020)

La rivista Giustizia Insieme pubblica un contributo di Antonio Barone e Mauro Di Pace a commento della sentenza dell'Adunanza Plenaria n. 22/2020.
Febbraio 14, 2021

Programmazione sanitaria: apre la stroke unit a Ragusa

Nullo l'atto di programmazione regionale che aveva tolto la stroke unit da Ragusa - Tar Catania 214/2021
Febbraio 14, 2021

Laboratori privati: illegittima la tariffa obbligatoria per i c.d. “tamponi rapidi”

COVID: il Tar Palermo annulla la tariffa obbligatoria per i tamponi rapidi
Febbraio 12, 2021

Appalti: il Tar Catania sulla incompatibilità del RUP come presidente della commissione giudicatrice (art. 77 d.lgs. 50/2016)

Il Tar di Catania, con sentenza n. 372 dell'8.2.2021, ha annullato una gara per il servizio di trasporto sanitario, bandita da un'azienda ospedaliera, nella quale il RUP si era autonominato presidente della Commissione giudicatrice, in violazione dell'art. 77 del d.lgs. n. 50/2016.
Novembre 17, 2020

Webinar: “Hate speech, violenza verbale e violenza agita”

L'avv. Elena Frasca modera e coordina il webinar "Hate speech: violenza verbale e violenza agita" che si terrà il 17 novembre 2020, per parlare di questa forma di violenza che si consuma attraverso le parole, anche nei confronti delle donne