COVID-19: La gestione del rischio pandemico: il ruolo dei laboratori di analisi privati accreditati.

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Il papere del Prof. Antonio Barone, pubblicato sulla rivista Federalismi.it, affronta due tematiche che, per differenti motivazioni e con diverse intensità, sono state anche oggetto del dibattitto pubblico: da un lato il rapporto tra scienza e diritto nella gestione del rischio, dall’altro la collaborazione pubblico-privato nei processi di risk management.

Sotto il primo profilo, non si può non osservare la tendenza dei rappresentanti di governo a richiamare le indicazioni scientifiche a fondamento delle proprie scelte. Nel caso italiano, tali indicazioni scientifiche vengono ulteriormente diffuse grazie alla partecipazione di autorevoli componenti (o collaboratori) di comitati tecnico-scientifici a importanti talk show televisivi, con dichiarazioni (poi rilanciate anche via social network) che contribuiscono a ingenerare un vero e proprio legittimo affidamento dei cittadini nell’ipse dixit scientifico “di Stato”. In realtà, l’emergenza COVID-19 si è caratterizzata, fin dall’inizio, proprio per l’assenza di certezze scientifiche sulla prevenzione e gestione dei rischi per la salute umana.

Sul fronte della cooperazione pubblico-privato, le recenti normative emergenziali e lo stesso dibattito pubblico maturato su di esse sembrano privilegiare modelli tendenzialmente pubblicistici, con una complessiva sottovalutazione delle potenzialità della collaborazione pubblico-privato nella valutazione e nella gestione del rischio pandemico. La stessa riflessione sul principio costituzionale del principio di sussidiarietà orizzontale sembra essere poco presente nel vivace dibattito sull’emergenza pandemica. Tale riflessione, al contrario, mantiene la sua centralità anche nella prospettiva del coinvolgimento dei privati nei percorsi di certificazione della sicurezza, come nel caso del ruolo della laboratoristica privata nei processi di screening di intere categorie della popolazione attraverso test molecolari (c.d. tamponi) e di tipo sierologico.

Clicca qui per vedere l’articolo completo sulla rivista “Federalismi”

Autore

Antonio Barone

Diritto amministrativo

AREE ASSOCIATE

Sanità pubblica e privata

Leggi altre Notizie

Marzo 3, 2021

La Corte costituzionale sulle soglie di anomalia negli appalti di lavori in Sicilia

Corte Cost. 16/2021 sull'illegittimità delle norme della regione Sicilia in materia di calcolo delle soglie di anomalia nei lavori sotto soglia
Febbraio 14, 2021

Rifiuti e ATO in liquidazione: il CGARS di nuovo sul recesso dell’ente locale dalla società partecipata

La sentenza del CGARS n. 1121/2020 annulla il provvedimento di recesso della ex provincia dalla società ATO
Novembre 8, 2020

La nullità giurisprudenziale nei bandi di gara (Adunanza Plenaria 22/2020)

La rivista Giustizia Insieme pubblica un contributo di Antonio Barone e Mauro Di Pace a commento della sentenza dell'Adunanza Plenaria n. 22/2020.
Febbraio 14, 2021

Programmazione sanitaria: apre la stroke unit a Ragusa

Nullo l'atto di programmazione regionale che aveva tolto la stroke unit da Ragusa - Tar Catania 214/2021
Febbraio 14, 2021

Laboratori privati: illegittima la tariffa obbligatoria per i c.d. “tamponi rapidi”

COVID: il Tar Palermo annulla la tariffa obbligatoria per i tamponi rapidi
Febbraio 12, 2021

Appalti: il Tar Catania sulla incompatibilità del RUP come presidente della commissione giudicatrice (art. 77 d.lgs. 50/2016)

Il Tar di Catania, con sentenza n. 372 dell'8.2.2021, ha annullato una gara per il servizio di trasporto sanitario, bandita da un'azienda ospedaliera, nella quale il RUP si era autonominato presidente della Commissione giudicatrice, in violazione dell'art. 77 del d.lgs. n. 50/2016.
Novembre 17, 2020

Webinar: “Hate speech, violenza verbale e violenza agita”

L'avv. Elena Frasca modera e coordina il webinar "Hate speech: violenza verbale e violenza agita" che si terrà il 17 novembre 2020, per parlare di questa forma di violenza che si consuma attraverso le parole, anche nei confronti delle donne